Introduzione: La persistenza delle immagini

La visione degli oggetti è dovuta all’azione delle vibrazioni dell’etere che, colpendo la retina del nostro occhio provocano la riproduzione dell’immagini che quella vibrazione ha prodotto.

Quando la retina del nostro occhio è colpita da una radiazione luminosa, l’effetto da essa prodotto non si spegne appena cessata la radiazione che l’ha provocato, ma perdura ancora per qualche tempo dopo che la radiazione stessa è cessata.

Guardando, per pochi secondi, un cerchio nero con un punto bianco nel mezzo e sollevando poi gli occhi al cielo, si vede disegnare sotto la tela il medesimo cerchio ma bianco con un punto nero. Questo è un esempio della persistenza delle immagini, unita al principio dei colori complementari, per cui invece di avere la visione del medesimo colore si ha quella del colore che gli è complementario.

Sulla persistenza delle immagini è basato il funzionamento del cinematografo.

Semplice, vero? La storia del cinema parte da questo effetto (o difetto) della retina del nostro occhio. Quanta strada…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...